lunedì 9 gennaio 2012

Carter Contest

the cover

The bloody chamber

Puss in boots

The company of the wolf
Questi sono i lavori che ho presentato per il concorso della House of Illustration basato sulla raccolta di racconti di Angela Carter. Leggerla mi ha portato a vecchie immagini, scene che mi hanno accompagnato, quasi al limite dell'angolo visivo da sempre. Quelle scene che spiavi da lontano, dietro un muretto, una finestra o una tenda. Quelle scene che ammiri solo quando sai di non essere visto, quasi come essere un intruso per non dire un voyeur.
Ricordo da piccolo gli alberi dietro la casa a Giugno quando ancora dovevano arrivare i turisti e oltre alle cicale non si sentiva altro e immaginavo figuri misteriosi girarsi a guardarmi dietro le cortecce. Ancora oggi quegli alberi sono lì e non li vado mai a sfiorare per la paura che tutto quel che sono stati svanisca in una bolla di sapone. Li vedo sacrali, come delle reliquie.
Angela Carter mi ha conquistato, trasformare alcune delle fiabe più famose in altro, in spettacoli di immagini surreali e magiche(inteso nel senso più misterioso e pericoloso) mi ha elettrizzato.
La copertina l'ho realizzata così perché l'idea di una cappuccetto rosso tutt'altro che intimorita credo sia l'esempio più calzante di tutta la raccolta de "la camera di sangue".